Percorso logico: Home Page - Fondazione Studi Quesiti

inserito da: Administrator
Pubblicato il: Thu, 3 May 2012 - Letto: 1884  volte

Valore dei Ticket utile ai fini del TFR

Fondazione Studi risponde al quesito.

IMMAGINE

Quesito: Valore dei Ticket utile ai fini del TFR

Del: 19 marzo  2012

Quesito

Un’azienda metalmeccanica che normalmente corrisponde ticket ai dipendenti di alcune sedi pari a € 8/gg non ha mai considerato utile a TFR il valore del ticket (sia per la parte esente che per la parte eccedente). E’ corretto?

Risposta

L’art. 2120 c.c., c. 2, stabilisce che, salvo diversa previsione dei contratti collettivi, la retribuzione annua utile ai fini del calcolo del TFR comprende tutte le somme, incluso l’equivalente delle prestazioni in natura, corrisposte in dipendenza del rapporto di lavoro, a titolo non occasionale e con esclusione di quanto corrisposto a titolo di rimborso spese.

Oltre al rimborso spese, sono per converso esclusi dalla retribuzione da accantonare i compensi contraddistinti dall’occasionalità ossia quelli a carattere discontinuo o corrisposti dal datore di lavoro per mere liberalità quali, ad esempio, i premi aziendali corrisposti in particolari occasioni, lo sconto offerto ai dipendenti nell’acquisto, oppure l’utilizzazione di beni o servizi aziendali, nonché (a seguito del d.l. n. 333/1992, convertito in L. n. 359/1992) il valore del servizio mensa, comunque gestito ed erogato, e l’importo della prestazione pecuniaria sostitutiva di esso percepita da chi non usufruisce del servizio istituito dall’azienda.

In particolare la  Commissione dei principi interpretativi delle leggi in materia di lavoro principio n. 9 sull’argomento ha affermato:

Il valore del servizio mensa e l'eventuale indennità sostitutiva - ai sensi dell'art. 6 comma 3 del d.l. 11 luglio 1992, n. 333, convertito nella legge 8 agosto 1992, n. 359 - non fanno parte della retribuzione a nessun effetto attinente agli istituti legali e contrattuali del rapporto di lavoro e, pertanto, non può essere computato ai fini del calcolo del T.F.R. salvo deroga della contrattazione collettiva (Cass. S.U. 1° aprile 1993 n. 3888).

Un orientamento più recente, peraltro, attribuisce natura retributiva alla mensa, come istituto contrattuale, soltanto quando sia accompagnata da un'indennità sostitutiva e solo in misura corrispondente al valore dell'indennità, dovendo in tal caso incidere sugli istituti indiretti legali e contrattuali se così dispone la contrattazione collettiva (Cass. 14 novembre 2001 n. 14198).