Percorso logico: Home Page - Documentazione ›› Circolari Enti ›› INAIL

inserito da: Administrator
Pubblicato il: Mon, 3 Dec 2012 - Letto: 1183  volte

Intermittenti, l'Inail si paga sull'indennità di disponibilità anche senza chiamata

Dopo la riforma aumentano i costi per alcuni contratti.

IMMAGINE

Dal 18 luglio 2012 per i rapporti di lavoro intermittente, sussistendo l'obbligo assicurativo, il premio si calcola sia sulla retribuzione erogata per le ore di lavoro prestate, sia su quanto corrisposto a titolo di indennità di disponibilità.

In precedenza, invece, il premio Inail andava calcolato sull'indennità di disponibilità solo dopo che il lavoratore era stato chiamato al lavoro.


Le precisazioni arrivano dall'Inail che, con la circolare 64 del 27 novembre, ha riesaminato tutte le regole del contratto alla luce delle modifiche che la riforma del lavoro ha apportato al lavoro intermittente.


La legge 92/12 ha abrogato l'articolo 37 del Dlgs 276/03 e questo ha comportato sia la regolamentazione da parte dei CCNL, sia l'obbligo di corrispondere l'indennità di disponibilità anche in assenza della relativa chiamata del lavoratore. Il calcolo va effettuato sull'indennità effettiva, senza applicare il minimale.