Percorso logico: Home Page - Documentazione ›› Atti Parlamentari

inserito da: Administrator
Pubblicato il: Tue, 12 Dec 2006 - Letto: 3364  volte

Riforma delle professioni: un testo da ridisegnare

La riforma delle professioni da poco approvata dal Governo deve ora passare al vaglio del partito più fluido e trasversale di maggioranza relativa: quello dei liberi professionisti presenti in Parlamento.

IMMAGINE

La vicenda degli Ordini professionali non si è ancora conclusa. La riforma delle professioni da poco approvata dal Governo deve ora passare al vaglio del partito più fluido e trasversale di maggioranza relativa: quello dei liberi professionisti. Al di là dell’appartenenza ad un Ordine, il partito dei professionisti composto da 390 parlamentari, che attraversa tutte le forze politiche, potrebbe trovare ora motivi di alleanza per “ridisegnare” un testo di natura più liberista sulla scia del tanto contestato decreto Bersani.

Oggi si terrà l’ufficio di presidenza che dovrà fissare un calendario dei lavori per le commissioni Giustizia e Attività produttive della Camera, che in seduta congiunta svolgeranno delle audizioni sul testo. Si tratta di confronti aperti che dovranno essere effettuati al fine di affrontare il testo in maniera ragionata. Tra i primi consensi ad emergere, quello che vorrebbe il ripristino delle tariffe minime per l’attività giudiziale degli avvocati.   

Alla Camera i deputati professionisti sono il 40,2%, mentre al Senato sono il 42,5%.

Il relatore dei provvedimenti, Mantini, proporrà un ciclo di otto incontri per consultare il Cup, l’Adepp, il Colap. Assoprofessioni, l’Oua, i sindacati e i giovani professionisti. Saranno ascoltati anche il Censis, il Cnel e le associazioni di consumatori.