Percorso logico: Home Page - Documentazione ›› Atti Parlamentari

inserito da: Administrator
Pubblicato il: Thu, 14 Dec 2006 - Letto: 3839  volte

Decisione Cup - Raccolta di firme tra i professionisti per una proposta di legge alternativa al testo Mastella

il testo messo a punto dal ministro della giustizia, Clemente Mastella mette a repentaglio il futuro delle professioni ordinistiche, per questo motivo gli Ordini professionali stanno valutando le prossime strategie da adottare.

IMMAGINE

Partirà a giorni una raccolta di firme fra i professionisti (e non solo) estesa su tutto il territorio per proporre una legge alternativa al testo attuale di riforma degli Ordini Professionali.

Il testo approvato dal Consiglio dei Ministri mette a repentaglio il futuro delle professioni ordinistiche.

L'Assemblea del Cup di ieri ha messo a punto le prossime strategie da adottare . E la soluzione comune è stata quella di avviare la raccolta di firme per iniziativa popolare, già preannunciata dal Cup il mese scorso. La novità, però, è che il Coordinamento unitario delle professioni ha deciso di dar voce a tutti i Cup territoriali. La prossima mossa, quindi, si consumerà già settimana prossima, il 19 dicembre, quando si avvierà la raccolta delle firme. Poi, due giorni dopo, ci sarà l'incontro con i Cup territoriali, ai quali verrà presentato il testo di riforma alternativo al ddl Mastella con le modifiche da loro richieste.

Il Cup punta a raggiungere non solo le firme necessarie, ma molte di più anche perchè il malcontento è diffuso anche tra i dipendenti degli studi professionali. È un modo ritenuto efficace per far capire al Governo che sta attuando una politica largamente non condivisa nei confronti dei professionisti. " È necessario che vi sia la massima adesione unitaria alle iniziative assunte dal Cup - dice Marina Calderone, presidente del Consiglio Nazionale dell'Ordine dei Consulenti del lavoro - . Il 19 dicembre noi ci riuniremo con tutti i nostri rappresentanti di base per decidere assieme quali altre iniziative portare avanti".
A livello parlamentare, poi, il Cup ha deciso di chiedere formalmente che le audizioni siano individuali , cioè per singolo Consiglio Nazionale, perché tutte le professioni hanno infatti diritto di essere ascoltate.